www.colapisci.it L'uomo che diventa pesce per necessità o per scelta Altri Amici di Cola: Paolo, il folletto

Estraneità d'ombre

Tutto ti annienta
nulla ti esplode
e sei li, a passarti lo smalto sulle unghie
e a soffiarmi su, perché di te m’asciughi.

Tutto ti evidenzia
nulla mi circonda
e sono qui, a passarmi una mano sulla violenza
d’un cannibale che s’è ingozzato di tua esistenza.

Nulla è più sole
Tutto ci è più solo
e siamo, tu lunga al Tevere,
io d’edera contorto…

…estraneità d’ombre.

 

Belfagor
Paolo Facchin

 

www.colapisci.it