www.colapisci.it  L'uomo che diventa pesce per necessitÓ o per scelta

Vagabondo mio pensier

Mettiamoci seduti,
l'uno di fronte all'altro
e sfidiamoci al destino.

Esci dall'imbrunir d'un sogno
e mettiti in competizione
con chi talune volte non ti sa domar.

Vestimi
delle tue fragilitÓ
che spesso il mio io m'impedisce di comprender.

Vincimi
per non sentirmi perso in te.

 

Paolo Facchin

www.colapisci.it