I Pesci dei Mari d'Italia
 

Classe: Actinopterygii

Dentice cane
Lutiano
Pagro cavaliere -
Vivaneau chien

Ord. PERCIFORMES

Fam. Lutjanidae

Gen. Lutjanus

Lutjanus jocu   (Bloch & Schneider, 1801)

Il corpo, ovaliforme e abbastanza alto specie nella parte mediana, è coperto di scaglie evidenti, che sopra la linea laterale si distribuiscono in righe oblique più numerose. La testa, che declina a 45° verso la bocca, ha l'occhio relativamente grande, tale che il suo margine superiore raggiunge o supera di poco  il profilo del capo.
La bocca è relativamente grande ed incisa verso il basso. Le mascelle superano la verticale del centro dell'occhio e sono
dotate di coppie di canini grandi e forti, visibili anche a bocca chiusa, molto più evidenti in quella superiore. Presente una placca dentaria sul vomere a forma di V o semilunare.
Ha un'unica pinna dorsale distinta in una prima parte spinosa con 10 raggi e una seconda parte, più alta e arrotondata posteriormente, con 14-15 raggi molli. Le pinne pettorali (16-17 raggi) si inseriscono sotto l'apertura  opercolare e sono lunghe, tanto che distese all'indietro raggiungono l'apertura anale. Le pinne pelviche sono triangolari, sviluppate e con un raggio spinoso e 5 molli. La pinna anale (3 raggi spinosi e 8
(7-9) raggi molli) è quasi simmetrica alla parte molle della dorsale e ne segue la forma. La pinna caudale (9+8 raggi) è arrotondata o leggermente biforcuta.

Il colore del corpo dorsalmente è oliva-marrone con riflessi metallici bronzei, a volte attraversato da linee sottili chiare. Verso i fianchi e la parte ventrale il colore sfuma verso il rosso chiaro, con riflessi ramati. I giovani hanno sotto l'occhio una linea continua orizzontale blu, che parte dal muso e raggiunge la punta posteriore dell'opercolo; negli adulti la linea diventa spezzata e negli esemplari più grossi si tramuta in una fila di puntini. Una barra triangolare chiara parte dal bordo inferiore dell'occhio e scende allargandosi verso la parte posteriore della bocca. Le pinne pettorali, ventrali, anale, e porzioni distali delle parti molli della dorsale e della caudale sono di colore rossastro, mentre il resto delle pinne dorsali e caudale sono di colore verde oliva.
E' una specie, solitaria e diffidente, che vive nei mari tropicali e sub-tropicali dell'Atlantico orientale e meno frequentemente occidentale. Normalmente si trova su fondi rocciosi o a coralligeno tra i 2 e i 40 m. In età giovanile,  non disdegna di entrare nelle acque salmastre delle barriere coralline e nelle acque dolci. La maturità sessuale avviene dopo che raggiunge la lunghezza di 30-40 cm e il periodo di maggiore  riproduzione è intorno a marzo, ma si stima che tale periodo possa essere esteso, in minor misura, oltre la primavera. Uova e larve sono planctonici. Si nutre di pesci e invertebrati bentonici con preferenza di gamberi, granchi, gasteropodi e cefalopodi.  Il dentice cane, se si alimenta di pesci erbivori che hanno assunto delle tossine prodotte da dinoflagellati presenti nelle alghe e nei coralli, può a sua volta divenire tossico per l'uomo, a causa dell'accumulo di tossina nel fegato. La tossicità nell'uomo si manifesta con debolezza di gambe e braccia e disturbi di stomaco per alcuni giorni.
Si cattura con bolentino, nasse, sciabiche e reti da posta.  Raggiunge il peso di quasi 29 kg e la lunghezza massima di 128 cm, ma comunemente è intorno ai 60 cm.
In Italia è stato segnato per la prima volta nel Mar Ligure nel 2005

Nomi dialettali: nessuno


Foto in www.richard-seaman.com

Tabella comparativa Lutjanidae

Sommario Perciformi
PERCIFORMES