Dal tintore

- Giufà, fammi un favore, figlio mio. Prendi questo pacchetto e portalo al tintore

- Chi è il tintore?

- Quello che tinge i vestiti, il tintore. Fai attenzione: dentro c'è una giacca e uno scialle. Con i mezzi a nostra disposizione, non possiamo acquistarne di nuovi. Dobbiamo accontentarci.

- Ma dov'è questo tintore?

- Ma sai, quello che aveva tanti colori nella sua finestra. È semplice: vai dritto, poi svolta a destra e subito a sinistra. Continui per un po' su questa strada e giri a sinistra. Lì dietro l'angolo troverai la  tintoria. Hai capito ?

- Non sono esattamente un idiota. Bene me ne vado.

- Non così in fretta, cosa gli dirai?

- Che mia madre gli manda questo pacco di vecchi vestiti ...

- Perché vecchi vestiti? Sono di buona qualità

- Va bene, quindi mia madre le manda questo pacchetto di cose buone da tingere e la prenderemo tra due mesi

- Cosa intendi per due mesi? sei pazzo, una settimana sarà sufficiente

- Come desideri, una settimana, tra una settimana tornerò a prendere il pacco.

- Bene, figlio mio, mi piace vederti sveglio così. Per i tuoi problemi avrai un soldo e un po' di uvetta

Ed eccolo qui, il nostro eroe, con il sapore dell'uvetta già in bocca. E immaginando che stesse beccando ogni chicco, il tempo passava più veloce.
Andò dritto, poi svoltò a destra e subito a sinistra, fece molta strada, poi alla fine girò a sinistra. Ma della casa non un'ombra: era in campagna.
- Eppure ho fatto bene come mi ha detto mia madre - si disse.

Quindi ci ha pensato un po' e per la prima cosa si grattò la testa. Che cosa avrebbe potuto fare?
Non c'era motivo di guardarsi attorno meglio: non c'erano case nelle vicinanze. Potrebbe essere che sua madre lo prenderà in giro? ma in questo caso non sembrava proprio di meritarselo.  Povero Giufà!

Stanco di girare a vuotosi sedette per riposare un po'. E pensando alle uve che non avrebbe avuto, si sentì ancora più abbattuto. Fu allora che vide un muro a secco dall'altra parte della strada, quasi distrutto; e in questo muro, per la luce che passava attraverso delle pietre mancanti, gli sembrò di vedere una finestra e oltre la finestra ebbe l'impressione di vedere qualcosa di colorato, di molto colorato
Non poteva che trattarsi del tintore.

Completamente rassicurato, si avvicinò e iniziò il suo bellissimo discorso:
- Ciao tintore

Ma questo tintore doveva essere un vero orso,  perché non gli ha risposto.
- Non importa -  si disse Giufà e continuò:
- Mia mamma ti manda questo pacco con buoni vestiti da tingere,  perché non possiamo permetterci di comprarne di nuovi. Ti chiede di fare la tintura entro una settimana

E il tintore, ancora, non rispondeva
-
Deve essere stupido  -  pensò Giufà.

Ora poteva chiaramente vedere il tintore attraverso la finestra, con tutti quei colori mentre glissava rapidamente.. E tutto rannicchiato, ha persino tirato fuori la lingua a Giufà. E questa familiarità gli è piaciuta molto.
D'altra parte, le piaceva molto meno sua madre
- Mi hai rovinato, mascalzone, mi hai rovinato -  urlò

Come è stato possibile? ha fatto solo ciò che sua madre gli aveva detto di fare.
- Non era il tintore, era un serpente che hai visto!

- Ma se aveva tutti quei colori  nella finestra? era il tintore, ne sono sicuro. E inoltre, torno a vederlo adesso

Sua madre non si prese la briga di replicare nulla con lui, d'altra parte afferrò il bastone che Giufà conosceva bene. Parò il colpo e si abbracciò le gambe. Tornò dal tintore e questa volta non esitò sulla via da seguire.
Quando arrivò, gridò
- Ehi, amico, ehi amico

Ma nessuna traccia di lui, e anche il pacchetto era sparito.
Il che fece pensare a Giufà che il tintore aveva preso i vestiti per tingerli e che tutto era in ordine e che praticamente aveva ragione.

Al suo ritorno, vi farò indovinare come sua madre gli ha mostrato, tuttavia, che aveva torto e che era lei che aveva ragione.

 

www.colapisci.it