www.colapisci.itL'uomo che diventa pesce per necessitÓ o per scelta

A zio Nicola

Zio Nicola era un prestito ad oltranza di terra di DasÓ. Una lacerazione nella tela della vita che elargiva follia e genialitÓ di sogno e sostanza, al di lÓ di ogni schema. Ogni suo gesto, ogni suo discorso ha dato rispetto, affetto, attenzione. Ha inondato i nostri legami di famiglia con anarchica autoritÓ e disarmante sensibilitÓ.

Non c'Ŕ nessuno di noi che non abbia imparato qualcosa dalle sue illogiche veritÓ assolute e che non abbia condiviso il suo sorriso. Tutti abbiamo assimilato la sua forza invettiva, la sua teoria du lippu, la forza taumaturgica del peperoncino, l'arte di pescare e cacciare preparando tutto a casa, le sue gite 'nto chiumm, le sue perenni vittorie a tressette.

Ora, noi, eredi della sua pienezza di vita, lo immaginiamo lass¨: sta giÓ organizzando una partita a carte con mia madre e zio Cesare e domani avrÓ giÓ chi ascolterÓ le sue storie e chi non potrÓ se non volergli bene.
╚ stato un onore condividere buona parte della mia vita con lui e lo ringrazio per avere lasciato parte di sÚ anche ai miei figli.

 

Daniela

Sommario Amici Perduti

www.colapisci.it