Lu voi marinu

A Missina successi, chi un voi marinu ogni sira si ritirava nn'una grutticedda, chi era nna la praja.
Successi chi un missinisi si nn' addunau, chi stu voi marinu a la sira vinia a dormiri 'n terra, e cci lu dissi a lu Re.
E lu Re rispusi:
- Dicci a lu voi marinu chi lu vogghiu pallari

Lu missinisi cci iju, e lu voi cci dissi:
- Si lu Re voli pallari a mia, chi vinissì iddru di prisenza.

LuRe si partiu, e gghiu nni lu voi marinu. Quannu lu Re lu vitti, cci dissi:
- Voi marinu, m'ha' sapiri a diri unn'è pusata Missina.

Lu voi rispusi chi vulia vintiquattr'uridi tempu.
O 'nnumani matinu si capuzzau'n funnu e ddoppu vintiquattr'uri assummau dicennu
a lu Re chi Missina era pusata supra tri culonni: una stuccata, una canniata e una sana.
A stu fattu tutti li Missinisi si spavintaru; e lu Re ci dissi a la voi si sapia truvari lu funnu di lu Strittu di Missina, picchi nun cci avia statu nuddru chi l'avia pututu truvari.
Lu voi marinu, vidennu chistu ci dissi:
- Maistà, m' aviti a dari un pezzu di lignu. Iò abbuddru cu stu lignu, e si a li vintiquattr'uri iò nun assummu,assumma lu lignu.

Prestu prestu cci detturu lu lignu, e lu voi marinu abbuddrau 'n funnu.
Tutta Missina era 'nta la praja chi aspittava a stu voi, ma nun avianu passati mancu dicinnov'uri, chi si vitti assummari lu lignu, chi la mità era abbruciatu.

Allura tutti li Missinisi dissiru chi 'n funnu cc'era focu, e chi lu voi marinu avia mortuabbruciatu.

 

Trapani
Riportata da Giuseppe Pitrè
Studi di Leggende popolari in Sicilia
La Leggenda di Colapesce
1904


Il boe marino


C'era una volta a Messina un bue marino che ogni sera si ritirava a dormire in una piccola grotta sulla spiaggia. Ma, un giorno, un messinese si accorse di questo e lo riferì al re.
- Dì al bue marino che gli voglio parlare - rispose il sovrano all'uomo.

Il messinese portò l'ambasciata al pesce, che rispose:
- Se il re vuole parlarmi, che venga qui lui, in persona.


Il sovrano accettò l'invito. Quando gli fu davanti, il re disse:
- Bue marino, mi devi dire su che cosa poggia Messina.

- Ho bisogno di un giorno di tempo per le mie ricerche

- D'accordo

Il giorno successivo il bue marino s'inabissò nelle acque profonde e ventiquattr'ore dopo risalì e spiegò al re:
- Messina è appoggiata su tre colonne: una spezzata, una scheggiata e una integra.


La notizia spaventò a morte tutti i messinesi. Il re, allora, chiese:
- Sapresti trovare il fondo dello stretto di Messina? Nessuno c'è mai riuscito finora e sarebbe una grande occasione per te e per tutti noi, portare a termine l'impresa.

- Maestà - rispose il pesce -
datemi un pezzo di legno. Se allo scadere delle ventiquattr'ore non risalirò in superficie, riemergerà il legno.

Gli fu procurato il legno e in un attimo si calò nelle profondità delle acque.
Tutta Messina aspettava ansiosa sulla spiaggia l'arrivo del bue marino, ma dopo neanche diciannove ore, si vide riemergere il legno arso per metà.
Tutti capirono che nel fondo del mare c'era il fuoco e che il bue marino era morto bruciato.

 

Versione nota a Trapani
trascritta da Luisa FerrariTrecate
in Gente di mare, storie e leggende
e tradotta da Pitré
La spiga


Il Bue marino nella fantasia popolare trapanese diventa un animale che ha virtù straordinarie, inclusa quella di parlare.
La sua leggenda si confonde con quella di Cola pesce; e pesce Cola è chiamato in Trapani dalla classe marinaresca.
(Pitré)

 


Il Bue marino

 

 
Era uomo 'come noi; e prima che diventasse pesce, un nuotatore di prim'ordine.
Una volta, buttatosia mare, vi dimorò tanto tempo, che al ritornonon era più uomo, ma una specie di bue, con le manisimili a quelle dell'uomo, la faccia di vitello, ma senza le corna, il collo lungo e la coda piccola.
Si trasformòinsomma in quel cetaceo che volgarmente si chiamail bue marino.
 



C. Simiani
Usi, Leggende e Pregiudizi popolari trapanesi
Nell'Archivio delle tradizioni popolari, volume VIII, pag. 481 e seguenti
Riportata da Giuseppe Pitrè
Studi di Leggende popolari in Sicilia
La Leggenda di Colapesce
1904

www.colapisci.it