Anatomia del Corpo Organi visivi
 

Pesci Ossei e Elasmobranchi

Organi visivi

Visione

Gli occhi sono distanziati e indipendenti l'uno dall'altro con campo visivo proprio;  solo l'area davanti al muso offre una visione dei campi sovrapposti.
I coni d'ombra della visione bioculare vengono compensati con il movimento del corpo. Quasi tutti i pesci limitano la loro visione a non pi¨ di 10 m, con acqua limpida potrebbe arrivare a 40 m di distanza. Gli elasmobranchi sono fortemente ipermetropi
.
I predatori e pesci piatti hanno occhi ravvicinati con un campo visivo ad elevata definizione in prossimitÓ della testa.
Alcuni pesci hanno occhi telescopici.

La luce entrata nel bulbo oculare, attraversa il cristallino, che tramite i muscoli viene spostato in avanti e indietro per mettere a fuoco le immagine vicine o lontani. Dopo aver attraversato il fluido oculare e giunge su un tessuto  in grado di regolare l'intensitÓ luminosa, amplificandola se necessario, e per sopperire alla mancanza della pupilla.
La retina Ŕ composta da bastoncini e coni. I bastoncini e sono pi¨ sensibili alla luce debole. I coni intervengono per luminositÓ elevate e tendono a sparire in pesci viventi in habitat scuri, specie nelle profonditÓ marine. Quando la luce colpisce i pigmenti, si genera una reazione chimica che produce l'impulso nervoso, che viene trasportato dal nervo ottico al cervello per l'elaborazione.
I pesci hanno sviluppato fotorecettori sensibili e capaci di catturare fotoni a basse intensitÓ luminose. I pigmenti visivi, in abbondanza nelle cellule fotorecettrici dell'occhio, variano da specie a specie e dall'ambiente in cui vivono i pesci.
I pesci pelagici, oceanici o di acque profonde, hanno pigmenti visivi capaci di essere molto efficienti ai verdi e ai blu.
I pesci che frequentano acque superficiali costiere hanno fotoricettori con una pi¨ ampia sensibilitÓ che va dai blu all'arancio-rosso.
I pesci migratori nella colonna d'acqua  verticale hanno sviluppato pigmenti in grado di adeguarsi ad ambienti a luminositÓ diversa.
Alcuni pesci hanno sviluppato pigmenti in grado di percepire lunghezze d'onda anche molto diverse da quelle presenti nell'ambiente di vita, grazie ad un meccanismo di accentuazione dei contrasti visivi di oggetti presenti.
I pesci abissali hanno sviluppato fotoricettori in grado di percepire la bioluminescenza prodotta dai fotofori lungo il corpo e la testa, tipiche di alcune specie di profonditÓ.

Occhio pineale
Ghiandola del cervello sensibile alla luce (anche di intensitÓ molto bassa), recettore di variazioni di intensitÓ luminosa su base giornaliera e stagionale, probabilmente implicata nelle variazioni comportamentali correlate al ciclo della luce
 


Aspetto esterno, apparato scheletrico e muscolare,organi interni e tutti gli altri organi

Morfologia dei pesci: formazione del corpo, pelle, pinne, colorazione

I pesci - Aspetti generali

Sommario senza frames
Visione

Organi visivi

ANATOMIA

Morfologia

I Pesci

PESCI

SOMMARI

Quadro sinottico degli ORDINI dei Pesci dei mari d'Italia

Sommario ORDINI - Frames

Mappa - Pesci dei Mari d'Italia

Colapesce: uomo per metÓ pesce per scelta o forza di cose

Q.Ordini

Ordini

Morfologia

Anatomia

I Pesci

Pesci

MAPPE

Gentile Colapesce, ...

!!! - SETTE MEGABYTE - !!! - Quadro sinottico di tutti i Pesci dei Mari d'Italia

Elenco dei nomi generici e latini di tutte le specie dei Mari d'Italia

Classificazione dei pesci in CLASSI, ORDINI e FAMIGLIE

L'uomo pesce per scelta o per necessitÓ

Scrivi

Riconoscere

SPECIE

ElencoNomi

Famiglie

IndicePesci

INDICI

Colapesce Ŕ nell'abisso dell'anima - Realizzazione: Alberto Biondi - PN 

Cerca in Colapisci.it

Colapisci, uomo per metÓ pesce
Colapisci:
L'uomo che diventa pesce per necessitÓ o per scelta